Get Adobe Flash player

QUARESIMA DI CARITA’

“…ero in carcere e siete venuti a trovarmi.” (Mt 25,36)

La Caritas Diocesana -in condivisione con il nostro Vescovo Maurizio- per vivere più intensamente il periodo di Quaresima, preparazione alla S. Pasqua propone, alle comunità parrocchiali e alle famiglie della Diocesi, alcuni spunti di riflessione e momenti di avvicinamento e conoscenza alle diverse povertà che ci circondano.

Oltre ai servizi e alle opere segno che si stanno già sviluppando in questo anno del Giubileo della Misericordia per stimolare tutti noi a conoscere, riconoscere e affrontare la povertà, (progetto “Stella Polare” con attività di sostegno agli anziani soli, il progetto “Giovane sorgente” attento al disagio giovanile e la “Staffetta delle Opere di Misericordia” che coinvolgerà i vari vicariati), l‘itinerario di quest’anno che ci spinge a riflettere e prendere coscienza sul senso cristiano della giustizia e della condivisione delle sofferenze attraverso l’esperienza di chi vive il carcere.

Ci ricorda il Papa al nr 21 della Misericordiae vultus:

“Se Dio si fermasse alla giustizia cesserebbe di essere Dio, sarebbe come tutti gli uomini che invocano il rispetto della legge. La giustizia da sola non basta, e l’esperienza insegna che appellarsi solo ad essa rischia di distruggerla. Per questo Dio va oltre la giustizia con la misericordia e il perdono.”

Anche per questo motivo, si vuole stimolare particolare attenzione al disagio legato alla detenzione e alla solitudine della pena che accompagna ogni quotidiana azione delle persone recluse chiedendo a tutta la comunità di impegnarsi una vicinanza certamente con la preghiera, la rilessione, l’approfondimento e la conoscenza di questa realtà ma anche con l’ aiuto concreto. La raccolta di offerte, nel periodo quaresimale,  sarà utilizzata a favore di differenti progetti e interventi che attualmente si svolgono o che si intende realizzare all’interno della Casa di Reclusione di Piccolini.

Eccone l’elenco:

- Servizio di assistenza primaria (vestiti, prodotti per l’igiene, occhiali, penne, francobolli, ecc…).
- Laboratori formativi per detenuti e minori (Corso di primo soccorso, bricolage/decoupage, Corso  autocad, Laboratorio di Lettura, Cineforum, disegno meccanico, Face-painting).
- Attività sportive (calcio, pallavolo e ginnastica).
- Attività Lavorative (laboratorio sartoria gestito dalla coop. Oikos e progetto “Orti sociali” con l’Associazione San Vincenzo de Paoli).
- Catechesi e liturgia (materiale didattico e testi sacri).
- Clown therapy (con l’Associazione Sorrisi con il cuore).
- Accoglienze dei detenuti e reinserimento  abitativo (Housing Sociale di Casoni Sant’albino).
- Reinserimento  lavorativo (attraverso lo strumento delle borse lavoro e dei tirocini formativi).
- Mediazione famigliare e sostegno psicologico.
- Mediazione Penale: percorso di formazione specifico per la creazione dell’ufficio di Mediazione penale e relativi mediatori a livello interdiocesano (in collaborazione con le caritas di Pavia e Tortona).

Il volontariato in carcere è una possibilità che Caritas Vigevano invita a sostenere anche per l’avvio di nuovi laboratori o per li consolidamento di quelli già in corso. I futuri volontari saranno seguiti in percorsi formativi ad hoc e accompagnati durante le prime fasi di “ingresso” in carcere.

Inoltre, ricordo che, sul tema “CARCERE”  il giorno sabato 12 Marzo 2016, dalle ore 21,00 presso l’AUDITORIUM SAN DIONIGI di Vigevano, si terrà il  “II ° Convegno Caritas Diocesano” dove intererà il Prof. Luciano Eusebi  ordinario di Diritto penale nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha, inoltre, dedicato vari studi, inoltre, a problematiche di rilievo biogiuridico nonché al rapporto fra problematica penalistica e teologia.

 

Don Moreno Locatelli